Auguri capitano!

Che sia l’ultimo anno bianconero, il penultimo, o solo uno di una ancora lunga serie, tanti auguri capitano mio

E a prescindere dal posto dove ti ritroverai esattamente tra un anno, non importa.

Noi saremo sempre lì con te, al tuo fianco!

Annunci

L’acqua di San Gennaro

Il titolo sarcastico di questo mio articolo fa ovviamente riferimento ai fatti della domenica calcistica che in seguito al maltempo hanno visto il rinvio della sfida tra Napoli e Juventus prevista in serata. E lo ammetto fin da queste prime righe: questo rinvio proprio non mi và giù e cercherò di spiegare per bene il mio punto di vista in questo articolo.

Partiamo, come è giusto che sia, dalla cronaca dei fatti. Torniamo quindi a domenica, l’Italia intera è colpita da forti acquazzoni, pure a Napoli anche se non certo ai livelli devastanti di Genova. Il prefetto di Napoli si siede a un tavolo per prendere una decisione: fare giocare o rinviare Napoli-Juventus. A questo tavolo partecipano anche altre figure di spicco, ad esempio il sindaco, e persino alcuni importanti esponenti del Napoli Calcio. La decisione, che viene divulgata intorno alle ore 12:00 , è quella di rinviare il match a data da destinarsi.

Chiusa la parentesi sulla “cronaca”, passiamo al mio pensiero. Innanzitutto precisiamo alcuni punti. Il terreno del San Paolo non era un problema, a meglio poteva esserlo la mattina di domenica, ma essendo cessata la pioggia si è arrivati alle ore 20:45 in uno stato decoroso per lo svolgimento della partita. Oltretutto se il manto erboso fosse stato il problema reale, si sarebbe aspettato il giudizio serale dell’arbitro, non si sarebbe certo rinviata la partita in mattinata. Il vero punto su cui verte il ragionamento del prefetto di Napoli è sulle strade e sulla viabilità. Una partita del Napoli mobilita al meno 6000 persone che quindi se sommato al maltempo avrebbe potuto creare situazioni pericolose. E su questo “non ci piove”,  non è certo su questo che voglio stare a puntualizzare.

Piuttosto, mi viene da chiedere che tipo di giudizio possa scaturire da un vertice composto da persone palesemente tifose del Napoli, e che affidabilità e soprattutto che credibilità possa avere agli occhi dell’Italia. La risposta mi pare ovvio. Sarebbe come fare decidere ai lavoratori stessi, se aumentare o salari o no. E’ ridicolo, ma in un paese dove il conflitto d’interessi è quasi una religione non ci si può aspettare troppo.

Ma abbandoniamo per un attimo questo e diamo per scontato che la scelta sia stata imparziale e coscienziosa. Mi sorge subito una seconda domanda. Ma senza i morti a Genova, dopo tutto l’inferno si era scatenato, la partita sarebbe stata sospesa comunque? Cioè quanto gli eventi di Genova hanno influenzato questa decisione? Il mio parere spassionato è che anche senza volerlo, Leggi il resto dell’articolo

Attacco spuntato

C’era una volta uno degli attacchi piu prolifici della serie A, che cercava di tenere a galla una squadra che faceva acqua in difesa e soprattutto a centrocampo. La situazione attuale è invece diametralmente opposta. Una gran difesa che regge le carenze di un attacco spuntato.

La Juventus che comunque si trova in una posizione di classifica più che buona essendo la capolista, riesce nonostante tutto a non soddisfare i suoi tifosi. Perchè se i 12 punti in 6 partite sono un buon risultato le occasioni perse per allungare su delle inseguitrici sempre più “confuse” aumentano di settimana in settimana. Bologna, Catania, Chievo.1 solo gol in tre partite che si sarebbero potute vincere senza dover strafare.

C’erano una volta Matri, Del Piero,Quagliarella, Toni e aimè Amauri, ora c’è il quasi solo Vucinic che oltre a non essere esattamente il calciatore a me preferito, neppure segna con continuità. Anzi, non segna proprio. Bisogna ogni domenica affidarci alle invenzioni di Pirlo, agli inserimenti di Marchisio, ai numeri di Alex. Troppo poco per una squadra che si auspica un buon campionato ai vertici della classifica.

Conte sta facendo le sue scelte e sono sempre del parere che se prende certe decisioni un vero motivo c’è per forza. Ma questo attacco ad una sola punta, oltretutto supportato malamente da Krasic non convince nessuno. Un conto è ritrovasi a giocare col Milan non pervenuto in campo, un altro conto è affrontare una squadra quadrata e in palla. E se pure col Milan si era faticato a finalizzare il dominio in campo, col Chievo a parte il palo di Del Piero ci sono state pochissime vere occasioni da rete.

Strano modo di giocare di uno che ha sempre combattuto e vinto con grandi attacchi davanti a se, dal trio Baggio-Vialli-Ravanelli, alla coppia Del Piero-Trezeguet. Insomma, trovare una vera motivazione per giustificare lo schema è difficile, e probabilmente il solo Conte sa le diavolerie che gli frullano per la testa. Ricordo una Roma, non molti anni fa, che giocava praticamente senza veri attaccanti e segnava caterve di gol, ma c’è da dire che aveva ben altri giocatori a centrocampo, soprattutto sulle fasce. Fasce che nonostante la lista infinita di acquisti restano il vero problema. Lo sterile Giaccherini, l’inesistente Krasic, il debuttante Estigarribia e il nemmeno convocato Elia stanno deludendo ogni aspettativa.

Speriamo che col tempo le “ali” facciano spiccare il volo a questa Juventus che altrimenti si vedrà presto costretta  a rincorrere.

Fuori dal tunnel?

La partita di domenica sera, come avevo preannunciato, nei suoi eccessi ci avrebbe restituito una Juventus fatta a pezzi dai media in caso di sconfitta o lanciata verso lo scudetto in caso contrario. Come sapete, la Juventus ha vinto per 2-0 domando il diavolo per quasi tutta la gara, seppur abbia trovato grandi difficoltà nello sbloccare l’incontro con la prima rete.

Ma veramente la Juventus può dire di vedere la luce in fondo al tunnel?

La storia recente juventina è piena di momenti di entusiasmo, nonostante i pessimi risultati finali. Il Milan lo battemmo anche l’anno scorso, battemmo anche l’Inter e questo creò sempre un velato ottimismo poi svanito poche partite dopo. Come dice il nostro “generale” Conte, bisogna pensare a fare bene di partita in partita senza montarsi troppo la testa. Il campionato è ancora lunghissimo e ricco i sorprese. Comunque, nonostante tutto, meglio partire bene piuttosto che racimolare qualche punticino come Milan e Inter.

Anche le due partite dell’Italia hanno rafforzato la Juventus grazie a prestazioni maiuscole. Marchisio è andato in gol, Buffon sembra tornato un ragazzino e la difesa, Barzagli su tutti, si è dimostrata solida. Insomma i presupposti per una buona annata ci sono e sono quelli giusti. Poi solo il tempo potrà svelarci le reali ambizioni bianconere.

Detto questo, rendo onore al mattatore della sfida col Milan, il grande Claudio Marchisio, che di gol importanti ne ha sempre segnati tanti.

Persino da bambino.

Che delusione!

Vucinic contro Nesta

Delusione. Non c’è un altra parola che possa descrivere meglio lo stato d’animo di ogni milanista dopo la partita contro la Juve domenica sera.

Allegri l’ha definita come la prestazione peggiore da inizio campionato, ma a mio avviso poteva allargare il cerchio anche a 2/3 anni. Si poteva anche perdere questa partita, ma almeno bisognava giocarla, perché la sostituzione di Emanuelson per Cassano e la volontà di portare a casa un pareggio a tutti i costi è stato un po’ come uno che cerca di fare 13 al totocalcio senza mai giocar la schedina.

Tra tifosi è bello scambiarsi opinioni, ma ho trovato un po’ strano sentire durante tutta la partita tifosi juventini che ridevano di molti nostri giocatori e del modo in cui giocavano. Capisco e condivido la festa bianconera dopo il fischio finale, ma sentire prediche sul nostro gioco quando da due anni collezioni solo figuracce mi ha lasciato un po’ perplesso. Il problema è che quando giochi così male non puoi neanche dire niente e devi solo stare zitto e guardare la partita con la coda tra le gambe, nella speranza che qualcosa si sistemi il prima possibile.

D’altra parte le scusanti per non essere al top c’erano e ci sono, ma da qua a fare un tiro/cross in tutta la partita ce ne vuole! Più passa il tempo e più vedo il bicchiere mezzo vuoto e comincio a pensare che la pausa tanto attesa non sia abbastanza per portare questa squadra ai più che buoni livelli dell’anno passato. Le squadre incontrate saranno state anche forti, ma un’unica vittoria contro il Cesena su 5 partite è comunque troppo poco.

L’ho già detto mille volte: Leggi il resto dell’articolo

‘O surdato ‘nnamurato

Ok che la partita contro l’Inter è stata diretta da un arbitraggio non propriamente degno della massima serie del calcio italiano. Ok che non si deve dimenticare la sconfitta a Verona contro il sempreverde Chievo. Ok che Mazzarri è un allenatore che si piange sempre addosso, che dice che non ha seconde linee da grande squadra, eppure Mascara e Pandev non mi sembrano giocatori da Prima Divisione. Ok che nella parte di Italia in cui vivo quasi sempre si associa questa città a concetti come “immondizia” e “rubare”. Nonostante tutto ciò, sono convinto che il Napoli, questo Napoli, si meriti qualcosa. La sua gente anche.
Seguo il calcio dalla notte dei tempi, quindi chiaramente ho una fede calcistica, la quale non posso nascondere e che ovviamente esce sempre; ma se non tifassi nessuna squadra, se fossi un osservatore super partes di questa Serie A, insomma se fossi lo Sconcerti di turno, quest’anno direi Napoli. Per vari motivi.

Per prima cosa il gioco offerto in questa prima parte di stagione è stato molto buono, insieme a poche altre squadre, il migliore. Vincere segnando tre gol al Milan in una partita quasi completamente  a senso unico, andare a Manchester giocando alla pari e portando a casa un pareggio contro una squadra gestita da uno Zio Paperone col turbante e andare a Milano contro l’Inter e tornare a casa con uno 0-3 non sono di certo indizi da non considerare. Il Napoli gioca bene, c’è poco da fare. Lavezzi non segna quasi mai ma offre assist con una frequenza impressionante, Hamsik è un giocatore ormai quasi completo e Cavani è una specie di Re Mida, che tramuta in gol ogni pallone che gli capita davanti. Perfino dietro non ci si può lamentare, basta pensare che i modestissimi Aronica e Campagnaro la stanno facendo da leoni. Leggi il resto dell’articolo

Super 8

Buffon;

Lichsteiner;

Barzagli;

Marchisio;

Pirlo;

Pepe;

Del Piero;

Matri.

Ecco i super 8 della Juventus. Gli unici 8 su cui fare pieno affidamento almeno per quanto emerso dalle prime 4 giornate. 8 punti, 2 pareggi e due sconfitte. Poteva andare peggio, ma anche decisamente meglio. La Juventus vista col Parma è rimasta una chimera. La prestazione col Siena, seppur di misura, la considero buona. Basti guardare i risultati più recenti del Siena per far capire che in fin dei conti non ci si può lamentare. Cosa che invece è giusto fare per la partita col Bologna. Una partita dominata ma non chiusa, anche a causa dell’inferiorità numerica. Chiudiamo con il match di Catania, campo ostico, sul quale la Juventus ha faticato oltre ogni previsione. Si può guardare il bicchiere mezzo pieno, o il bicchiere mezzo vuoto, la verità sta nel mezzo e l’ago della bilancia potrà spostarsi repentinamente domenica sera in base al risultato ottenuto col Milan.

Le uniche certezze che i tifosi possono per ora ostentare, sono quelle legate ai suoi super 8 calciatori.

Buffon, dopo una stagione di bassi e bassi, sembra aver riacquistato una forma accettabile, il che lo rende punto fermo tra i pali bianconeri.

Lichsteiner si può definire senza dubbio il secondo miglior acquisto estivo della Juventus. Affidabile, preciso, puntuale, instancabile. Sulla fascia destra ogni porta alla concorrenza è stata chiusa e puntellata.

Barzagli, come già scritto settimana scorsa, continua a essere il leader della difesa e fino ad ora non ha si è sempre mostrato affidabile oltre ogni aspettativa estiva.

Marchisio, eurogol di Parma a parte, sta facendo il suo compitino più o meno bene. Finchè ha un signor Pirlo accanto a dettare i tempi tutto è ok, certo quel giorno che quest’ultimo mancherà allora magari potrebbe nascere un problema.

Pirlo. Autoritario, fantasioso, geniale. Non poteva sognare inizio migliore l’ex milanista già divenuto faro di una squadra in cerca di riscatto.

Pepe, l’uomo che non ti aspetti. Che non ti aspetti di trovare ancora a Vinovo dopo la stagione deludente in primis, ma anche che non ti aspetti di trovare così in forma dopo le prime 4 sfide. Corre, lotta, a volte segna. Nonostante siano arrivati un centinaio di giocatori in fascia, lui non molla.

Del Piero, seppur utilizzato col contagocce, e nonostante non abbia ancora segnato una rete, quando è in campo si vedono lampi di gioco brillante e armonioso come nessun’altro attaccante riesce a fare. Highlinder.

Matri, lo avevamo lasciato come leader dell’attacco e lo ritroviamo accerchiato di pretendenti a una maglia. Lui è un uomo da gol e quest’anno lo dimostrerà. Intanto arranca tra campo e panchina, ogni tanto si fa male, ogni tanto si divora dei gol (Parma) e ogni tanto segna, ma le aspettative nbei suoi confronti sono rosee.

I restanti millemila giocatori hanno un gigantesco punto di domanda sulla maglia al posto del numero. Partendo Leggi il resto dell’articolo