Fuori dal tunnel?

La partita di domenica sera, come avevo preannunciato, nei suoi eccessi ci avrebbe restituito una Juventus fatta a pezzi dai media in caso di sconfitta o lanciata verso lo scudetto in caso contrario. Come sapete, la Juventus ha vinto per 2-0 domando il diavolo per quasi tutta la gara, seppur abbia trovato grandi difficoltà nello sbloccare l’incontro con la prima rete.

Ma veramente la Juventus può dire di vedere la luce in fondo al tunnel?

La storia recente juventina è piena di momenti di entusiasmo, nonostante i pessimi risultati finali. Il Milan lo battemmo anche l’anno scorso, battemmo anche l’Inter e questo creò sempre un velato ottimismo poi svanito poche partite dopo. Come dice il nostro “generale” Conte, bisogna pensare a fare bene di partita in partita senza montarsi troppo la testa. Il campionato è ancora lunghissimo e ricco i sorprese. Comunque, nonostante tutto, meglio partire bene piuttosto che racimolare qualche punticino come Milan e Inter.

Anche le due partite dell’Italia hanno rafforzato la Juventus grazie a prestazioni maiuscole. Marchisio è andato in gol, Buffon sembra tornato un ragazzino e la difesa, Barzagli su tutti, si è dimostrata solida. Insomma i presupposti per una buona annata ci sono e sono quelli giusti. Poi solo il tempo potrà svelarci le reali ambizioni bianconere.

Detto questo, rendo onore al mattatore della sfida col Milan, il grande Claudio Marchisio, che di gol importanti ne ha sempre segnati tanti.

Persino da bambino.

Annunci

Sempre e solo noi

La festa dopo il triplice fischio

 

Che emozione ieri sera, ancora non riesco a capacitarmi dell’impresa della mia Inter. Non che non ci abbia abituato in questi ultimi anni ma era davvero difficile passare questo turno di Champions. E anche quest’anno l’Inter rimane l’unica squadra italiana in Champions e l’unica squadra a lottare ancora su tutti e 3 i fronti, campionato, europa e coppa Italia. Sarà difficile ripetere tutte le vittorie dello scorso anno ma l’Inter c’è ed è pronta a regalare ancora tante emozioni ai suoi tifosi.

All’andata ero a San Siro e a fine partita, subito dopo aver preso goal da Mario Gomez la delusione era molta e continuavo a ripensare che si era tornati al passato con la solita vecchia inter incapace di farsi valere in Europa. Aspettavo solo il ritorno per confermare questa mia convinzione. E  invece capita ciò che non ti aspetti. Dopo un primo tempo sotto per 2 a 1 dove si meritava di incassare altri goal per i troppi errori difensivi l’Inter torna in campo con un altro spirito(cosa che quest anno si è vista spesso)e ribalta il risultato con un goal nel finale di Pandev che fino ad un minuto prima avevo massacrato di insulti.

Goran stava vivendo un momento particolare. Non è un attaccante da 20-30 goal a stagione ma quest anno non gli riusciva nulla di ciò che invece era capace l’anno scorso. Bersaglio di continue critiche e credo che ieri sera se non avesse segnato quel goal allo scadere(su invito ancora di uno strepitoso Eto’o) i tifosi sarebbero stati pronti ad aspettarlo alla Malpensa per pestarlo a sangue. E invece esce dalla partita come un eroe.

Spero davvero che questo goal gli dia la spinta giusta per tornare ad essere quello che è sempre stato fin dai tempi della Lazio.

Che dire…AVANTI COSI RAGAZZI!!!