Ignoranti ma sani!

Festa della Dea 2011

Avevo promesso a me stesso che non avrei scritto nessuna riga di nessun post, o commento, (..in atipici sportivi) sull’argomento calcioscommesse prima della fine del processo, che, per chi non lo sa o fa finta di non saperlo, è prevista per il 20 agosto. Invece è bastata la prima sentenza per far sprofondare anche “Atipici Sportivi” nel vortice della rissa mediatica che ormai pervade l’intero mondo giornalistico sportivo da almeno due mesi. Rissa mediatica che ha decisamente fatto perdere in aticipità questo blog, aticipità che si era sempre mantenuta, secondo il mio punto di vista, su un buon livello, sia per lo stile degli articoli, sia per la pacatezza dei commenti (insomma, se volevo leggere qualcosa di differente da quello che scrive la Gazzetta dovevi andare su Atipici Sportivi). E tutto questo mi fa pensare..

Penso che se da domani riesco a mettermi d’accordo con un  paio di amici, forse un giro di millantatori riesco ad organizzarlo anche io e magari qualche annetto di squlifica a del Piero riesco a farlo prendere anche a lui…

Penso che se la mancanza di prove non è un buon motivo per scagionare un imputato, allora siamo veramente alla frutta. Se poi pensate che sia giusto che a Micolucci (intercettato e pentito) abbiano dato 14 mesi e a Doni e Manfredini (non intercettato, ma solamente nominato nelle telefenote di Micolucci) 3 anni e 6 mesi allora preferisco essere ignorante, piuttosto che comprendere questa vostra giustizia intelligente. E per fortuna che la giustizia ordinaria non funziona come quella sportiva!

Penso alla coerenza di chi scrive “Io credo che Doni sia colpevole” salvo poi rimangiarsi subito il pensiero scrivendo dopo poche righe “MA IO NON HO DETTO CHE DONI E’ COLPEVOLE!”, bè ma se uno lo pensa vuol dire che per lui lo è (o magari è l’ignoranza atalantina che ci fa fare strani ragionamenti!). E penso anche alla coerenza di chi,  appena scoppiato il caso calcioscommesse, sperava andassimo in serie B ed ora deve accontantarsi di un -6 punti! Ma come? Non ci volevi vedere in serie B? Ti accontenti di poco!

Pensa a dove sono finiti soggetti coinvolti come il capitano della giallorossa (Lecce o Roma? Ah no intendevano la pol.Villese scusate…), il Napoli, il Lecce, Fiorentina, e tutta l’inchieste sulla seria A. Ma forse è la mia ignoranza atalantina che non mi fa capire!

Penso a come possano aver creduto alle confessioni di Santoni (visto che ha patteggiato ed è passato dalla radiazione a 4 anni di squalifica), creduto a tutto tranne alla confessione in cui scagionava Doni. E Manfredini paga solo per una dichiarazione di Micolucci (su 53 pagine di sentenza viene citato in una sola riga!!) Però pensandoci bene avete ragione, è proprio una prova schiacciante! Ma io sono un atalantino ignorante e non posso capire. Leggi il resto dell’articolo

Annunci

Una pausa in attesa della sentenza

La clessidra: simbolo dell'attesa

Poche righe per motivare il momento di “silenzio” che pervade la sezioneAtalanta di Atipici Sportivi da ormai qualche settimana. Riprenderò a scrivere solo e soltanto quando la sentenza della giustizia sportiva sul caso scommessopoli verrà pronunciata, perchè sono convinto che più passa il tempo e più la vicenda assume aspetti differenti (in meglio o in peggio a secondo delle scuole di pensiero).

Non c’è bisogno che spieghi quello che sia successo, il processo mediatico si è già abbondantemente scatenato e molti fenomeni da tastiera si sono già sfogati su blog, social network e siti sportivi (ma questo lo sappiamo.. è la particolarità dell’informazione italiana). Divertente il fatto che chi attaccava Doni e l’Atalanta poteva farlo senza problemi e senza cognizione di causa (magari senza nemmeno aver letto la sentenza del gip di Cremona) e chi tentava di difendere invece veniva taggato come piagnone e ridicolo!

Sperando di non avere aggravato la situazione dell’Atalanta con questo articolo e sperando che la giustizia sportiva sia si intransigente ma che si basi anche su prove veramente concrete, vi mando un caloroso saluto a tutti e un augurio di buon estate.

ATALANTA FOLLE AMORE NOSTRO

Caro Cristiano, dicci che non ci hai tradito

Cristiano Doni, il capitano

Caro Cristiano,

mai nella vita avrei pensato di doverti scrivere queste righe. Tutto quello che leggiamo sui giornali è sconcertante e stentiamo a crederci. Continuiamo a credere che deve essere un grande equivoco, vogliamo credere alla tua buona fede.

Caro Cristiano, dicci che non è vero che dopo averci dato grandi emozioni hai trascinato il nome della Dea nel fango. Dicci che non hai gettato disonore sul mitico 72, che non hai sporcato questa bandiera, che non mi farai vergognare per la sciarpa che ho regalato a mio figlio.

Dicci, capitano, che la grinta che mostravi in campo era vera, che le tue magie erano solo per noi, che quando esultavi lo facevi davvero. Che non è vero che hai tradito la fiducia dei tuoi compagni che sul campo sputavano l’anima per riuscire ad onorare questa maglia. Dicci che non è vero che nonostante il presidente ti abbia dato tanti soldi hai svenduto tre partite della nostra squadra per poche migliaia di euro.

Caro Cristiano, dicci che non è vero che la vittoria strepitosa di questo campionato è fasulla, che noi tifosi abbiamo pianto per delle partite di plastica, che una festa da 100mila persone è stata tutta una farsa, che il presidente ha ballato con noi come un bambino ingenuo senza sapere che il più importante dei suoi giocatori lo stava ingannando.

Caro Cristiano, dicci che non è vero che hai tradito una città che ti ha dato onori e benemerenze, amore e affetto, che ti ha eletto bergamasco per tutta la vita, che non hai tradito una tifoseria disposta a battersi per te, una squadra che credeva in te ciecamente come il capo guerriero da seguire in ogni battaglia, che non hai tradito una società che ti ha dato fiducia, soldi e notorietà e che voleva darti un futuro come uomo simbolo.

Dicci che Bergamo, i tifosi e l’Atalanta non dovranno sopportare la cocente umiliazione della retrocessione forzata. Dicci che stiamo solo vivendo un incubo, che il calcio per cui ci esaltiamo, soffriamo, emozioniamo è ancora uno sport vero e non fatto di vigliacchi che decidono sottobanco. Dicci che non ti saresti mai giocato un’intera carriera per una manciata di schifosissimi euro.

Caro Cristiano, dicci che è tutto un grande errore, che con quella gentaglia tu non c’entri, che la favola del nostro capitano non morirà nel peggiore e più straziante dei modi.

LETTERA FIRMATA

http://www.bergamosera.com/cms/?p=67619

21 maggio 2011 – La Notte Nerazzurra

L'incredibile folla situata sotto il palco della Notte Nerazzurra.

Cronaca di un una giornata vissuta pericolosamente. Per tutti i calciofili il mese di maggio ricorda da sempre o grandi vittorie o grandi delusioni (a questo proposito ne sanno qualcosa gli interisti!). Il 21 maggio 2011 verrà ricordato da tutti gli atalantini come una fantastica giornata di festa, dove le emozioni non sono di certo manacate. Qui di seguito proverò ha raccontarvi quelle che ho vissuto io!

Sabato, subito dopo pranzo, decidiamo di partire alla volta del comunale ma in realtà è già tutta settimana che mi sento con i miei amici per l’organizzazzione della giornata. Ore 13.15 partiamo di Villa di Serio verso il centro di Bergamo alla ricerca di un parcheggio che non sia troppo distante né dalla festa, la quale si tiene alla sera, né dallo stadio dove, nel pomeriggio, si disputerà Atalanta – Cittadella (ultima giornata in casa di questa serie Bwin). Arriviamo in centro e già sentiamo colpi di clacson (misti a urla di gioia!), vediamo bandiere sventolare dai finestrini delle auto e gente vestita stile Atalanta! E’ già tempo di festa!  Con la solita “fortuna” che ci contraddistingue non troviamo un parcheggio utile per sistemare la Mito in modo da non ritrovarci poi con una bella multa per divieto di sosta appiccicicata al cruscotto. Decidiamo quindi di parcheggiare dalle parti della casa del Giovane. Qualche Km a piedi e siamo allo stadio: vista l’ora tarda (mancano poche decine di minuti all’inizio della partita) troviamo un po’ di coda ai tornelli (mai capitato in tutto l’anno!). Una volta superati ci ritroviamo in mano un comunicato degli ultras e un cartoncino nerazzurro con una grande A disegnata di bianco: sarà la coreografia che farà da cornice a tutto lo stadio. La partita inzia e il colpo d’occhio che offrono le “A” nerazzurre è da brividi!! Partita con un inizio soft  ma poi, quasi all’improvviso,  vedo un biondo danese svettare di testa ed insaccare sotto la sud, è 1 a 0 per noi e il marcatore è Troest! All’inizio del secondo tempo raddoppia Marilungo con un bellissimo pallonetto, finalmente al goal dopo troppi mesi d’astinenza.  Nel bello di rendersi conto della situazione e di capire che forse per il Siena di Conte non sarà quasi più possibile raggiungerci al primo posto, vedo il Cittadella di Piovaccari reagire come una serpente ferito e nel giro di 5 minuti pareggiare i conti. La senzazione è quella di una doccia gelata seguita da un’espressione incredula (quasi amareggiata per il pareggio!). La partita continua con un ritmo da scapoli contro ammogliati e si trascina fino al termine quando, dopo qualche minuto di infinito recupero, l’arbitro fischia la fine. L’amarezza per la non vittoria scompare di colpo e lascia il posto all’euforio d’inizio festa: le belle mogli dei calciatori ( soprattutto “innamorate” come direbbe Clivo) e i bambini accompagnano i giocatori per l’ennesimo e ultimo giro di campo. Leggi il resto dell’articolo

E’ serie A… e quel pazzo ci porta in Europa!

Finalmente  in serie A!

Finalmente perché è da circa due mesi che nessuno nutriva più dubbi su una possibile promozione della Dea nella massima serie. Mancava solo la matematica che è arrivata soltanto in questa 39 giornata, matematica che è arrivata con un bel po’ di sofferenza e dopo qualche giornata di fisiologica flessione in cui la squadra ha incontrato qualche difficoltà e in cui non riusciva a siglare qual maledetto Macht Point.

Bello e memorabile che questo macht point sia arrivato in casa nostra, allo stadio Bortolotti di Bergamo, davanti a 18000 atalantini presi a fine partita dal delirio! E finalmente via, via da questo schifoso campionato di serie B, campionato difficile e assurdo, dove, se non entri concentrato al 200% rischi di perdere e fare brutte figure contro una squadra che fino a ieri non pensavi nemmeno esistesse. Fece fatica perfino la Juventus, nell’unico campionato di serie B disputato, ha fatto fatica il Siena (pure lui promosso nella stessa giornata della Dea) e ha fatto fatica l’Atalanta. Le prime due in classifica hanno dimostrato di essere di un’altra categoria (+ 10 punti sulle terze!), di non condividere niente con squadre come Novara e Varese e di avere uno spirito diverso dalle nobili decadute come Torino, Empoli e Livorno. Siamo stati superiori in tutto e come giusto che sia l’anno prossimo giocheremo nell’unico campionato che  meritiamo.

Ora Atalanta e Siena si contenderanno il primo posto. Mancano tre turni e sinceramente vedo l’Atalanta leggermente favorita per la conquista della vetta, visto che le sue avversarie (Albinoleffe, Cittadella e Grosseto) sono meno impegnative di quelle del Siena (Ascoli, Varese e Albinoleffe)  e visto che giocherà due partite su tre in casa (al contrario del Siena). Leggi il resto dell’articolo

Dalla parte di Colantuono

L'immancabile grinta di Stefano Coantuono

Scrivo questo articolo, in questo preciso momento del campionato, per far si che non sembri influenzato dall’andamento delle ultime partite, cosa che sicuramente succederà per il giudizio di molti tifosi.

Cosa prevedo da oggi a fine campionato? Semplice: se Colantuono porterà la Dea in vetta al campionato battendo l’odiato nemico Conte (odiato anche da me intendiamoci!), e magari con il recordi di punti in tasca, diventerà l’eroe indiscusso di tutti. Se invece terrminerà il campionato in seconda posizione, magari anche a ridosso della terza (ma comunque con la promozione conquistata) per un calo generale di condizione della squadra che a questo punto del campionato potrebbe anche starci, allora sarà bersagliato da tutti con la critica generale di non esser stato capace di dare la giusta benzina ad una squadra che, all’inizio del campionato, sembrava la Red Bull della formula 1 (pur essendo io un tifodo, non mi sembrava il caso di fare paragoni con la Ferrari di questa stagione!).

Secondo me, con Mister Colantuono, gran parte dell’ambiente Atalantino (tranne la sacrosante e benedetta Curva Nord) è stato un po’ troppo cattivello, oserei dire quasi prevenuto. Questo sentimento penso che derivi da come fu interrotto il precedente rapporto, quando il mister di Anzio, dopo aver firmato il rinnovo con il presidente Ivan Ruggeri, dopo pochi mesi si rimangiò la firma data chiedendo la rescissione del contratto appena firmato per accordarsi con il Palermo del mangia-allenatori Zamparini.

La critica che gli è stata mossa per tutta la stagione è la mancanza di gioco, critica che è stata sempre zittita dai risultati e dall’andamento del campionato.  A mio avviso è un gioco veramente difficile criticare un allenatore che in tre campionati con la maglia della Dea (2 di B e uno di A) ha fatto quasi 200 punti. Considerando poi  che è stato decisamente sfortunato, e sottolineo sfortunato, con la scelta degli attaccanti (scelta condivisa con i dirigenti), prima Ardemagni e poi Marilungo, due promesse che non hanno soddisfatto la attese. Mi chiedo: dove sarebbe in classifica l’Atalanta se questi due ultimi avessero fatto almeno 7/8 goal?? Avrebbe vinto il campionato a Marzo! Leggi il resto dell’articolo

Al servizio di nessuno!

Doni e Percassi alle presentazione del progetto "Atalantini del futuro"

Qualche giorno fa, su un sito interamente dedicato alle notizie di casa Atalanta, mi è capitato sott’occhio un’articolo che illustrerebbe le strategie di mercato che la società bergamasca sta tessendo per i prossimi campionati (ovviamente sperando di rimanere il più a lungo possibile in serie A). Per esigenze di spazio, e per non costringervi a leggerlo tutto, vi riporto le righe più significative di questo articolo, le quali mi trovano nettamente in disaccordo (qui poteteve trovare l’articolo completo).

 Percassi sta giustamente tessendo rapporti con i maggiori club italiani, come fece Ivan Ruggeri qualche anno fa con la Juventus. L’Atalanta prenderebbe dall’Inter e dal Milan, i giovani di talento per farli crescere e maturare, facendoli giocare con continuità in serie A, cosa che non potrebbe avvenire nei due club milanesi che hanno altre esigenze di obiettivi e risultato, rispetto ai nerazzurri bergamaschi.  I nomi sul taccuino di Percassi sono quelli di  Biraghi, Crisetig, Dell’Agnello, Alibec… Cosa dovrà dare in cambio l’Atalanta? Giocatori maturi e pronti per il grande salto”

Premetto che dubito fortemente dell’attendibilità di questo articolo e della sua fonte, ma la cosa che sinceramente mi auguro non succeda MAI è che l’Atalanta diventi campo di cultura per altri club, che siano questi Milan, Inter e Juventus.

Biraghi, Crisetig, Dell’Agnello, Alibec..  chi sono questi? Chi li ha mai sentiti?

Innanzitutto  non vedo il motivo per cui dovremmo andare a prendere in prestito giovani di altre squadre quando i nostri non hanno nulla da invidiare a nessuno (a chi non è d’accordo consiglio di andare a consultare la classifica del girone B del campionato primavera). Mi auguro poi che questo articolo sia solo una “baggianata” giornalistica e che la dirigenza cerchi, per il futuro, di seguire l’esempio di società che hanno fondato i propri successi sul settore giovanile (vedi Udinese) o, se preferite, sulla cantera (vedi Barcellona), anzichè emulare il percorso di società che con il tempo sono diventate veri e propri vivai messi servizio dei  grandi club di serie A (vedi l’esempio del Siena che campava grazie ai giovani di Moggi o del Monza  con i giovani, e qualche vecchio, del Milan). Ma questo l’Atalanta lo ha sempre fatto e quindi dovrebbe solamente proseguire su questa strada.

Ovviamente le grandi società fanno bene a cercarsi delle squadre “satellite”, intendiamoci, ma sono sicuro che dalle parti di Zingonia sono ben convinti su quello che i tifosi atalantini (e il presidente Percassi) vogliono per il futuro della squadra: se non ricordo male il sogno si chiama Europa.. nient’altro.. anche perchè molto probabilmente Crisetig e Alibec di europeo hanno solo il nome!