Gli dei dello sport

I giorni nostri ci hanno riportato prepotentemente a conoscenza di alcuni cose che, se pensate a sangue freddo sembrano ovvie ma che spesso a causa di una certa sufficienza non vengono mai nemmeno pensate.

Sono i giorni di Cassano in ospedale, di Simoncelli al cimitero e di Borgonovo sulla sedia a rotelle. Un piccolo esempio di tre sportivi con un destino sfortunato se paragonato a quello di quasi tutti i loro collegi.

Ai giorni nostri i calciatori godono di una considerazione ben più ampia di quella che meritano, non in se perchè siano persone senza meriti, ma semplicemente perchè sono delle persone tali e quali a noi. Questo le persone spesso lo dimenticano e a forza di seguire i propri idoli,sportivi e non,  in tv sui giornali e su ogni cosa che riporti delle notizie, sono portati a pensare di avere a che fare con dei semi-dei, onnipotenti, al di sopra di ogni altro uomo comune.

Ed è per questo che quando le grosse sfortune, come le gravi malattie o i brutti incidenti, colpiscono questi ultimi la gente stenta quasi a  crederci. Una cosa che fa parte della vita di moltissime persone, anche tra i più giovani, diventa un evento eccezionale se ha per vittima uno sportivo famoso. Così diventa strano che Borgonovo sia stato colpito dalla SLA, incredibile che Simoncelli muoia in un incidente in gara e quasi irreale che Cassano abbia problemi al cuore. La realtà è che i calciatori o più in genere gli sportivi sono tali e quali a noi. Certo, godono di ottima salute, ma certe cose sono nascoste dietro l’angolo per tutti, gente comune e sportivi di successo. Per questo io spesso storco il naso quando fatti come i sopracitati si guadagnano le prime pagine di ogni giornale e destano in molti uno stupore dettato dall’inarrivabilità e dal potere quasi di onnipotenza che i giornali ricamano intorno alle star del mondo dello sport, quasi come se questi non dovessero rispondere alle normali leggi che regolano la vita nel mondo.

Detto questo, i miei migliori auguri per una pronta guarigione vanno a Borgonovo come a Cassano, come a chiunque altro malato sulla faccia della terra.

In fondo ognuno può essere un “Dio” nel suo piccolo, senza la necessità di godere della fama.

Annunci

One Response to Gli dei dello sport

  1. Pingback: E’ l’una di notte e tutto va bene « Atipici sportivi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: