Davids 50esima stella bianconera

 

Edgar Davids

Come dimenticarsi del mansueto Davids, mastino di centrocampo della grande juve che fu.

Pochi giorni fa, in seguito ad un sondaggio, Edgar Davids è stato scelto come giocatore per la cinquantesima e ultima stella presente nel nuovo stadio juventino. Sbaragliata la concorrenza di altri “big”come Boniek(che aveva scatenato un mezzo caos per la stella inizialmente assegnatagli), Laudrup, Morini, Birindelli, Cannavaro e altri, con una maggioranza assoluta del 58% dei voti.

Di Edgar ricordo il modo in cui lo soffiammo al Milan, o meglio, il modo in cui il Milan se ne liberò. Un’annata e mezzo a Milano dopo i fasti di Amsterdam, una gamba rotta a Perugia ed Edgar è pronto per essere mandato via. “una mela marcia” lo definì Costacurta.

Davids rinasce alla juventus. Tre scudetti, due supercoppe, una Coppa Italia, due finali di champions. Come dimenticare il Pitbull del centrocampo juventino, lui che intimoriva gli avversari ancor prima di scendere in campo. E che grinta, Edgar  ti avrebbe strappato la palla dai piedi a morsi se avesse potuto. Grinta che però non era meno della sua tecnica. Dribling secco, velocità e potenza. Con i suoi occhialini che lo hanno distinto da ogni altro giocatore. Davids è entrato di diritto nel mio cuore e in quello dei tifosi juventini (o almeno del 58% di questi).

Se la Juventus d’oggi avesse anche solo la metàdella sua proverbiale grinta, saremmo a posto.

Grande Edgar, noi ti ricordiamo così…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: